domenica 15 febbraio 2015

San Faustino: il Grinch di San Valentino

Mi hanno detto che oggi è San Faustino-festa dei single.
Io ci ho pensato su per un po' e, alla luce di quanto ho visto in questo ultimo San Valentino, ma negli anni in generale, credo che oggi dovrebbe essere anche la festa dei fidanzati. 
Gli uomini della coppia s'intende.
Sì, perché credo che bisognerebbe dare un riconoscimento a tutti quei poveretti che ogni anno sono costretti ad inventarsi qualcosa di nuovo per evitare scenate di donne isteriche ed insoddisfatte che "ecco sei il solito ti scordi sempre di San Valentino".


Quindi oggi, a parer mio, più che la festa dei single dovrebbe essere la festa di tutti quelli che, un San Valentino dopo l'altro, vediamo errare da un negozio all'altro spendendo soldi a caso in peluche sempre più grandi.
Cioccolatini di ogni forma e tipo, per poi ritrovarsi di fronte lei che "Amò ma sei 'no stronzo: io sono a dieta!!".
Completini intimi discutibili (ed a volte anche della taglia sbagliata).
Matasse di palloncini che manco in Up.
Mazzi di fiori e candele che manco ad una veglia funebre.
Bigiotteria.
Plaid/puzzle con le foto di coppia stampate sopra.



E che, non paghi di questo, poi si impegnano pure a cucinare pizze dalla forme più variegate, biscotti deformi ed improbabili risotti.
Per essere poi cazziati sul caos che inevitabilmente lasciano in cucina e soprattutto perché... "Amò ma che non te lo ricordi che sono intollerante al radicchio trevigiano??! Dovevi prendere quello IGP variegato di Castelfranco! Si vede che non mi ami! A chi pensavi? Alla tua ex????".

Questi uomini, i fidanzati appunto, arrivano addirittura ad arrotolare tovaglioli a forma di cuore ed a scrivere bigliettini sempre più originali che varrebbero loro un posto alla Perugina,
per essere poi pure messi in ridicolo sui Social dalla fidanzata che non vede l'ora di vantarsi con le amiche di quanto è romantico il suo uomo.

E tutto questo, solo per passare una serata tranquilla senza bronci e rotture di palle: che una sana nottata di sesso mai, sarebbe un'utopia.


Come se fossero i cioccolatini, i fiori e tutto il baraccone che San Valentino si porta dietro ogni anno a definire una storia d'amore. 
Che forse sarebbe il caso di riflettere non tanto sui gesti, ma su questa pratica dell'ostentare amore, al punto tale dal far pensare, o almeno è quello che fa pensare a me, che tutto ciò serve più a convincere voi stesse di essere innamorate che gli altri.

Alla luce di tutto questo, io sono commossa per loro.

Questi sono uomini impavidi e credo sia giusto festeggiarli.


Nessun commento:

Posta un commento

!-- Codice per accettazione cookie - Inizio -- >